Come scrivere una lettera di disdetta dal contratto di affitto, telefono e Sky

Al giorno d’oggi siamo soliti sottoscrivere numerosi contratti per la fornitura di servizi che impongono il rispetto di clausole e condizioni, come ovvio che sia. 

Le nuove tecnologie messe a punto dalle telecomunicazioni hanno facilitato enormemente la possibilità di sottoscrivere e firmare i contratti anche a distanza e servendosi di strumenti quali la firma digitale, la posta elettronica certificata, il fax oppure un semplice click attraverso il proprio smartphone.

Fino a qui, quindi nulla di strano o di speciale.

Il problema, se di problema vogliamo parlare, sorge nel momento in cui si decide di recedere da un contratto, cioè di interrompere il rapporto che ci siamo impegnati a rispettare nel momento in cui abbiamo sottoscritto il documento. Chiaramente non è possibile interrompere un contratto dall’oggi al domani, ma occorre dare un preavviso minimo e comunque impostare la disdetta nella forma più consona e congrua alla situazione e sempre in forma scritta.

Vediamo come redigere correttamente una lettera di disdetta dei contratti più comuni che ci capita di sottoscrivere: il contratto di affitto, il contratto telefonico e l’abbonamento Sky.

Lettera di disdetta del contratto di affitto: come scriverla correttamente

Il contratto di affitto, o meglio di locazione, è la tipologia di contratto più comune nel campo immobiliare: esso prevede la presenza di due parti che si impegnano reciprocamente, il locatore (il proprietario dell’immobile) e il locatario (l’inquilino) che occuperà l’immobile pagando un canone mensile concordato. Di solito, la durata del periodo di permanenza all’interno dell’immobile viene stabilita nelle clausole stesse del contratto, tuttavia può capitare, per diverse ragioni, di dover anticipare la scadenza del contratto e lasciare l’immobile anticipatamente. Il diritto di recedere liberamente da un contratto è un diritto sancito legalmente, tuttavia occorre presentare sempre una lettera scritta che dovrà essere recapitata al locatore a mezzo raccomandata A/R, con un anticipo non inferiore ai sei mesi.  

Non c’è una regola unica  o una forma precisa per scrivere una lettera di disdetta, ma occorre che la lettera fornisca alcune informazioni necessarie.

Come prima cosa occorre che la lettera presenti, solitamente nella parte sinistra dell’intestazione, tutti i dati e i recapiti del locatario (nome, cognome, indirizzo di residenza e località), correttamente riportati.

Sulla destra dell’intestazione, qualche carattere più sotto, occorre invece riportare correttamente i dati di riferimento del locatore a cui la lettera sarà indirizzata (nome, cognome, indirizzo di residenza e località).

Prima di cominciare con il corpo della lettera, nel quale verranno espresse le volontà di interruzione del contratto di affitto, occorre apportare la data temporale e topica (mese, giorno, anno e luogo) per collocare correttamente la lettera in un arco di tempo preciso e l’oggetto, elemento fondamentale per far comprendere al destinatario l’argomento della lettera che, nel caso specifico, potrà essere espresso così: “Disdetta Contratto di Locazione dell’immobile sito in via…”.

A questo punto è possibile comunicare, scrivendo in prima persona, che si intende presentare disdetta formale del contratto d’affitto, precisando il giorno esatto dal quale l’immobile potrà ritenersi ufficialmente libero e pronto per essere destinato ad un altro inquilino.

Infine, è bene sempre completare la lettera apponendo data e firma in forma autografa.

Come scrivere correttamente una lettera di disdetta dal contratto telefonico

Anche per disdire un contratto telefonico (sia di rete fissa che mobile) è buona norma presentare una lettera di disdetta formale. Come per il contratto di affitto anche per un contratto telefonico è possibile scrivere una lettera in carta semplice, di proprio pugno, oppure affidarsi a dei modelli fac simile che talvolta possono essere anche forniti direttamente dalle stesse compagnie telefoniche a cui avete scelto di affidarvi.

I campi necessari per redigere una lettera di disdetta dal contratto di telefono sono, grossomodo, gli stessi del contratto di affitto, ma con qualche aggiunta. In questo caso la lettera sarà più articolata perché il destinatario è costituito da una compagnia e non da una persona fisica e per questo occorre approntare una lettera che sia più formale e specifica possibile. Vediamo quali sono i campi e le formule necessarie:

  • sempre in alto a destra i dati del destinatario saranno quelli della compagnia telefonica (nome e l’indirizzo della sede, operativa o legale);
  • nell’oggetto, andrà riportata la specifica della natura della lettera e quidni, anche in questa caso è possibile utilizzare la formula precedente (Disdetta Contratto…);
  • a seguire, occorre riportare i dati anagrafici del cliente e, in aggiunta, il codice cliente che è necessario alla compagnia telefonica per associare la pratica di disdetta che verrà elaborata dall’ufficio preposto e il numero di telefono del cliente;
  • a questo punto, al centro del rigo e in caratteri maiuscoli, occorre riportare il termine: COMUNICA;
  • di seguito occorre riportare di voler recedere dal contratto e di farlo citando la legge di riferimento: L. 40/2007;
  • successivamente occorre inserire la parola PERTANTO seguita dalla richiesta di disattivazione del servizio entro 30 gg dalla presentazione della lettera senza penali, con la facoltà, in caso contrario di rivolgersi a un legale;
  • eventuali allegati (di solito fotocopia del documento di identità o eventuali contratti precedenti);
  • data e firma autografe.

Anche in questo caso sarà necessario far recapitare la lettera di disdetta con congruo anticipo e inoltrarla a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o, in alternativa, tramite PEC, se posseduta.

Abbonamento Sky: come scrivere la lettera di disdetta

Anche il colosso della tv, Sky, ha previsto una procedura precisa per gestire la disdetta dei contratti di abbonamento. Naturalmente occorre prestare attenzione al tipo di contratto precedentemente sottoscritto, per non incorrere nel pagamento di penali. Normalmente, nel caso di ripensamento, è ammessa la disdetta senza alcun costo aggiuntivo purché la disdetta avvenga nei primi 14 giorni dalla sottoscrizione del contratto. Diversamente, se la disdetta avviene dopo i 14 giorni, ma prima della durata minima prevista dal contratto, si va incontro al pagamento della penale.

Per inoltrare la disdetta del contratto, si può scegliere se servirsi degli appositi moduli messi a disposizione sul sito di Sky oppure se scriverla di proprio pugno.

Nel secondo caso, occorre che la lettera di disdetta contenga dei dati ritenuti necessari affinché la richiesta di interruzione dal contratto sia valida, come:

  • dati anagrafici dell’intestatario dell’abbonamento
  • codice cliente associato all’abbonamento
  • indicazione del tipo di disdetta (Sky ne prevede tre: entro 14 giorni, disdetta anticipata, disdetta a scadenza naturale del contratto).

Ovviamente, si consiglia sempre di inoltrare la disdetta del contratto con un anticipo non inferiore ai 30 giorni e sempre mediante mezzo raccomandata o tramite posta certificata.