Scrivere un post ads, le regole nel 2021

 

Una delle riflessioni che più facilmente mi sento di  fare ultimamente, è che non sempre le persone o meglio i committenti, hanno le idee chiare su cosa voglia dire avere un social “attivo”.  Lo so forse sei atterrato qui alla ricerca di come fare a scrivere un post ads, e ti assicuro che qualche riga più sotto ti darò qualche bella notizia a riguardo. Ma per ora lasciami scrivere qualcosa di diverso. 

Mi butto una bella zappa sui piedi dicendoti che scrivere post da soli è possibile. Ma cercherò di sfatare il mito che basti essere continuativi per avere successo. La tuttologia non è il massimo nella vita, e oggi chi si occupa di social media management certamente non solo ha studiato per farlo…ma grande novità… sicuramente si farà pagare per farlo. E non poco! 

Con questo non voglio dirti che da solo non puoi scrivere post di successo, ma che dietro una continuità social vi è certamente anche una programmazione di intenti e obiettivi; uno studio di settore sul tuo target di riferimento, ed una continua interazione con i tuoi follower. Porsi degli obiettivi vuol dire anche sapere cosa si sta cercando online. 

Vuoi vendere i tuoi prodotti? Una crescita organica ti aiuterà, ma scrivere articoli di livello ed alimentare un motore di ricerca, certamente farà il doppio del risultato che potresti ottenere solo scrivendoti dei post. 

Inoltre anche capire che tipo di pubblico vuoi intercettare, che tono di voce usare e come pianificare i tuoi post…è fondamentale. Te ne parlo anche qui… e voglio solo scriverti questo: spero tu riesca a scrivere da solo i tuoi post, ma se così non fosse…bussa a info@anniriapunzo.com

Scrivere ads, come si fa?

Il vasto mondo di Internet è costellato di utenti presenti sulle principali piattaforme social. Persone che con le giuste strategie possono trasformarsi in clienti e consumatori. Pubblicare un post ads è certamente uno dei modi più innovativi per rafforzare ogni tipo di business online. Per questo, è fondamentale capire come scrivere un post ads e le regole per farlo nel 2021.

Ads è la forma abbreviata di advertising, cioè pubblicità. Si tratta di un annuncio a pagamento sotto forma di post da pubblicare sui social network o in generale sul web e Google. Quindi parliamo di Facebook, Instagram e tanti altri. 

Può essere solo scritto o corredato da immagini e video, per renderlo più creativo ed accattivante. Un post ads serve a promuovere il brand di un’attività, prodotti e servizi o eventi su vasta scala. E apparirà nella bacheca di un determinato tipo di pubblico, targetizzato attraverso campagne di marketing. 

Come scrivere ads: le regole nel 2021

Per scrivere un post ads nel 2021, è necessario considerare alcune regole che garantiscono ottime probabilità di riuscita dei vostri obiettivi di business.

La vostra headline deve attirare l’attenzione degli utenti. Per farlo, potete giocare sulla curiosità, sull’emozione e l’empatia del pubblico che vi leggerà. Cominciando dal titolo. Utilizzate numeri (es. i 10 motivi per…) e date per rendere riconoscibile il contenuto nel tempo, rispondendo ad una domanda, una necessità con la vostra soluzione. In seguito, raccontate i benefici del vostro prodotto/servizio e non limitative alle fredde e noiose caratteristiche. 

Il post deve lasciare spazio al non detto. Non dovete spiegare tutto ma usare la persuasione. Infatti, l’obiettivo principe dell’ads è far cliccare gli utenti sul vostro sito o sulla vostra pagina social. Per questo, non deve mancare la call to action e qualche visual (foto o video) che vi distingua dalla concorrenza. 

D’altra parte, non cadete nella trappola del clickbaiting. Il traffico e i contatti realizzati vi porteranno solo cattiva pubblicità. Quindi fate pubblicità ma senza fare promesse irrealizzabili. Possibilmente curando grammatica e lessico, adattando il tono al settore di riferimento e al tipo di pubblico che volete raggiungere. 

Alcuni studi, hanno confermato che un post ads performante contiene circa 6-12 parole, tra i 50 e i 80 caratteri. Giocateci con queste parole, fate riferimenti a recensioni positive o all’attualità.